More

    Tragedia a Catania, trovato il corpo senza vita di Elena: aveva solo 4 anni

    E’ stato trovato il cadavere di Elena, la bambina di cinque anni rapita ieri a Tremestieri etneo. Carabinieri del comando provinciale di Catania si stanno recando sul posto.

    Il fatto

    La notizia è diventata immediatamente virale sui social. La bambina secondo quanto si è appreso e secondo quanto si legge in diversi post su Internet sarebbe stata caricata in auto da un gruppo di tre uomini incappucciati che l’avrebbero portata via alla madre e si sarebbero immediatamente dileguati. Nessuno sarebbe però riuscito ad annotare modello e numero di targa dell’auto.

    La bimba si chiama Elena Del Pozzo e come detto vive a Mascalucia dove la madre ha presentato la denuncia di scomparsa presentandosi alla caserma dei carabinieri. La notizia del sequestro è stata confermata dalla Procura di Catania che ha aperto un’inchiesta delegando le indagini ai militari dell’Arma. Non è ancora chiaro se si tratta di una faida familiare o meno. Secondo alcune testimonianze, gli uomini che hanno portato via la piccola erano anche armati.

    La Procura di Catania indaga per sequestro di persona, ma sulla vicenda in ambienti investigativi vige il massimo riserbo, anche perché si tratta di una fase delicatissima delle indagini.  La stessa Procura ha reso noto che né l’ufficio né i carabinieri del comando provinciale e della Tenenza di Misterbianco, che indagano, «daranno al momento ulteriori informazioni».

    «Si ricerca DEL POZZO Elena nata a CT il 12.7.2017 residente in Mascalucia via Euclide 55. Bambina rapita zona Piano Tremestieri verso le ore 15 odierne. Denuncia in corso presso Arma Mascalucia che procede. Probabili autori 3 persone incappucciate a bordo di auto di cui sconoscesi modello colore e targa. Chi la vedesse avvisare immediatamente» si legge in decine di post comparsi sui social network.

    ALSO READ  Jets Called an Option for High Upside 25-Year-Old Pass Rusher

    Bimba rapita a Catania: La pista familiare

    Proprio di “dinamiche familiari” parla Enzo Magra, sindaco di Mascalucia: “Mi sconvolge, ho la pelle d’oca mentre parlo,  per qualsivoglia vicenda sia potuto accadere, non si possono mettere in mezzo bambini innocenti che poi piangono per l’intera vita traumi di tal genere”. Dagli inquirenti al momento bocche cucite. La procura etnea ha messo un freno alla richiesta di dettagli che arriva da più parti, facendo sapere che “non darà al momento ulteriori informazioni”. “Siamo in una fase delicata”, precisa il procuratore Carmelo Zuccaro, che si limita a escludere il movente del riscatto: la famiglia non ha problemi economici, ma non è neanche ricca. Improbabile anche la pista mafiosa. La criminalità organizzata è restia a rapimenti e gesti eclatanti.   Continua a leggere,  Seguici, basta un like!

    Leggi anche: Processo Denise Pipitone, arriva la confessione assurda: “Ecco cosa fece Piera Maggio, è stata colpa sua”

    Recent Articles

    Related Stories

    Leave A Reply

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Stay on op - Ge the daily news in your inbox