More

    Lorenzo Insigne, non sei stato una bandiera

    Mezzogiorno, 15 maggio 2022 – 10:32

    di Vittorio Zambardino

    Poi oggi ci sar commozione, ci saranno le lacrime e il canto, perch il calcio teatro e a piangere si sempre pronti. Dumm, sto chiagnenno… Quanto bello a chiagnere, ci dice dal 1946 Filomena Marturano. Lacrime? Tu parti, ma non vai in guerra, Lorenzo caro, hai fatto una scelta razionale e professionale, due aggettivi legittimi ma che non commuovono. Per s, il saluto ti dovuto. Tranquillo, nessuno pensava de mor prima del tuo addio, come hanno detto a un altro capitano, Francesco Totti. Quella s fu una festa vera, perch quello aveva rifiutato il Real Madrid per la squadra che l’aveva messo al mondo del calcio. Lui s, era una bandiera, tu non sei una bandiera. Ma sei uno di noi, in un certo senso sei noi. Noi ti avremmo voluto come bandiera e leader, e non ci siamo mai rassegnati alla tua realt media, nemmeno quando avendo ricevuto il potere, come sempre succede a chi lo riceve troppo e troppo presto, non ne sei stato all’altezza.

    E poi sei vittima anche tu, come tutto il Napoli e Napoli, che pensa che di talento divino ce ne sia stato uno soltanto. Dopo Diego, il diluvio, non possibile apprezzare ed elevare altri campioni. Di conseguenza non ci rendiamo conto di quando davanti a noi…

    ALSO READ  Liverpool dreaming of FOUR trophies while Man Utd have nightmares over drought – two rivals have never been so far apart

    Recent Articles

    Related Stories

    Leave A Reply

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Stay on op - Ge the daily news in your inbox