More

    Il pilota del volo segreto su Mariupol «La mia missione impossibile per aiutare i combattenti dell’Azovstal»- Corriere.it




    Emergono le prime testimonianze tra i soccorritori e i feriti evacuati in elicottero dall’acciaieria tra marzo e maggio

    Come sempre prima di ogni volo, Oleksandr anche quel giorno fece scorrere la mano lungo la fusoliera del suo Mi-8, accarezzandone la pelle metallica. Un gesto rituale per questo veterano dell’aeronautica ucraina, nella speranza di portare fortuna a lui e al suo equipaggio. Ne avrebbero avuto bisogno. La loro destinazione — l’acciaieria nella città assediata di Mariupol — era una trappola mortale. Altri equipaggi non erano riusciti a tornare vivi. Ma la missione era necessaria, per quanto disperata: le truppe ucraine erano bloccate lì dentro, le loro scorte di acqua, cibo e medicine stavano finendo, morti e feriti aumentavano. La loro tenace resistenza nell’Azovstal era ormai il simbolo della determinazione dell’Ucraina a non piegarsi all’aggressione russa. Non potevano morire.
    Per Oleksandr sarebbe stato il volo più difficile dei suoi 30 anni di carriera.

    Lo accettò, ha confidato all’Ap, perché non voleva che i combattenti dell’Azovstal si sentissero dimenticati. Nell’inferno di quell’impianto, in un bunker sotterraneo trasformato in infermeria, si era diffusa la voce che sarebbe potuto succedere un miracolo. Buffalo, come…

    ALSO READ  siamo al livello più basso di morti mondiale dal marzo 2020. Mettiamo la parola FINE o cosa aspettiamo?

    Recent Articles

    Related Stories

    Leave A Reply

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    Stay on op - Ge the daily news in your inbox